di’ qualcosa di sinistra

Al TG3 passa un servizio sul piddì e il discorso inizia, prosegue e finisce così, com’è scritto qua sotto. In rapida successione, un mio intervento, uno di mia madre, uno mio, uno di mia madre, e così via fino al termine:

se si votasse domani, andrei al seggio e rifiuterei la scheda elettorale dicendo che non voglio votare per nessuno, non me ne frega niente se li mando in crisi perché non sono capaci di metterlo a verbale – bravo, non votare, così sì che è utile – ah non è utile? T’immagini se tutti facessero così? Guarda quest’altro, Franceschini… che deficiente, manco gli insulti di quelli al ristorante, si meritava – ah perché sarà mica furba, la gente che l’ha insultato al ristorante – no, infatti è gente inutile tanto quanto lui, Bersani e D’Alema – menomale che ci sei tu che sei intelligente – no, menomale che ci sei tu che voti ‘sta gente – li voto perché fanno il tipo di politica più vicina a quella che secondo me va fatta, sennò chi dovrei votare secondo te, Grillo? – ah ma perché FANNO POLITICA?? Dimmi cos’hanno fatto per meritare il tuo voto, visto che parli del “tipo di politica che fanno”; uno più fallito dell’altro, e stanno ancora appresso a D’Alema, è quello il bello, stanno ancora appresso a uno che commentava le gare di vela su La7 – senti, io non voto Grillo, è un dittatore, ma non vedi come si comporta con quelli del suo partito? – a parte che non è un partito, e poi non ti sto dicendo di votare Grillo, veramente non ti sto neanche dicendo di votare. Ma se proprio devi votare, spiegami cos’hanno fatto questi per meritarsi il tuo voto! Guarda che ero il primo a votare alle primarie quando Veltroni è venuto qui a fare il discorsone nell’aula gialla del Lingotto eh. Poi cioè, Veltroni, un diplomato all’istituto di cinematografia che decide di mettere su un partito e dura tre mesi… pensavo avessero toccato il fondo dicendo di aver vinto dopo le ultime elezioni, e invece sono riusciti a fare di peggio *intermezzo del TG della Berlinguer con tanto di sondaggi* ricomincio io: non puoi neanche dire “voto PD per non far vincere Berlusconi”, perché adesso danno il PD al 26% e Grillo al 29%, quindi, se proprio devi votare qualcuno per non farlo vincere, devi votare proprio Grillo – tanto non si può parlare con te, vuoi sempre avere ragione su tutto e a tutti i costi – no, è che ho palesemente ragione e adesso tiri fuori la storia del “tanto non si può parlare con te” solo perché non sai come replicare. Ma c’è della frutta commestibile in ‘sta casa? Le pere son di granito, ‘sta mela è da buttare, e di arance ne ho già mangiate tre stamattina – vai a vedere in cantina.

Per non dimenticare:

Annunci